Iacobini continua a vaneggiare ma a breve tutto tornerà alla normalità

Iacobini se vuole illudersi lo facesse pure, la sua è un’illusione che durerà altri pochi giorni fino al 5 giugno quando Papasso stravincerà le elezioni di Cassano. Infatti, i sondaggi dicono molto chiaramente che Gianni Papasso vincerà con una larghissima maggioranza, un grande distacco su Iacobini e al primo turno.

 

Per quanto concerne la tassa sui rifiuti, il Commissario Prefettizio è stato costretto ad applicarla perché voluta e imposta già nel 2014 dal Governatore Scopelliti e da chi lo sosteneva, compreso Gianluca Gallo. È vero che per sei mesi del 2014 non è stata applicata a seguito della forte opposizione dei sindaci calabresi in cui spiccava la figura dell’allora Sindaco di Cassano Gianni Papasso. Nell’anno 2015 a Cassano non è stata applicata la tariffa per volere del Sindaco Papasso e dei consiglieri che lo sostenevano. Al contrario gli amici di Iacobini capitanati da Gianluca Gallo votarono contro le tariffe moderate proposte dall’Amministrazione Papasso. Se la differenziata ancora non è partita a Cassano la responsabilità è da addebitare “tutta” a quelli del notaio che hanno interrotto il governo cittadino di Gianni Papasso bloccando tante iniziative, tanti progetti, compresi quelli della raccolta differenziata.

 

Per quanto concerne l’impianto di rifiuti a Sibari Iacobini sa molto bene che nel Comune di Cassano non è previsto nessun impianto di smaltimento rifiuti, ma sa anche molto bene che eventualmente si tratta dell’ampliamento dell’impianto già esistente a Bucita, contrada che certamente non si trova nel comune di Cassano. Sulla questione rifiuti suggeriamo a Iacobini e a Gallo di tacere tante sono le responsabilità che hanno a riguardo poiché sono i promotori dell’arrivo dei rifiuti provenienti da Napoli presso la discarica di contrada Silva. È facile per Iacobini e Gallo oggi attaccare Oliverio, ciò dovuto evidentemente a risentimenti dettati dal fatto che Oliverio nel novembre 2014 non ha inteso candidare Gianluca Gallo in una delle sue liste per come dal candidato sperato.

 

Il confronto tra il governo Oliverio e quello di Scopelliti - Gallo non regge, non fosse altro per il disastro che Oliverio ha ereditato e cui con certosina pazienza sta mettendo riparo. I fatti testimoniano che per l’anno 2015 Papasso non ha applicato la tariffa voluta da Scopelliti - Gallo. Se oggi è stato applicato questo forte aumento sulla tassa dei rifiuti, la responsabilità politica è di coloro i quali hanno gettato il Comune nella gestione commissariale.

 

Iacobini continui nella sua pia illusione la gente ha compreso molto bene che non è autonomo nelle sue scelte ma che è guidato dai veri leader della coalizione di centro - destra Guaragna e Gallo, al primo è stata addirittura promessa la delega di vice sindaco e di assessore ai lavori pubblici, mentre il secondo è incaricato a continuare a svolgere il ruolo di regista. Contento Iacobini contenti tutti.

 

Caterina La Banca
COMITATO PAPASSO SINDACO

Scrivi commento

Commenti: 0