Carmen Gaudiano, l’importanza di metterci la faccia

Dalla buona amministrazione, all’amore per la sua terra, dal lavoro svolto all’interno della maggioranza dell’amministrazione Papasso, al futuro di Cassano, dalle origini della sua esperienza politica al perché si ricandida oggi, dal racconto di un padre laborioso infatuato degli ideali del socialismo che le da dato l’imprinting culturale-politico al ritorno in Calabria, la dottoressa Carmen Gaudiano continua a rispondere alle mie domande con lucidità, determinazione e un pizzico di ironia.

 

Allora Carmen, perché hai deciso di ricandidarti?

Perché ci tengo a continuare un percorso interrotto per tenere fede alle promesse programmatiche fatte, agli impegni presi che ancora non sono stati portati a compimento.

Mi pare di capire dal tuo entusiasmo che la tua prima esperienza amministrativa è stata più che positiva. E' così, vero?

Lo è stato in tutti i sensi. Per me è stato un momento di crescita. Vorrei sottolineare come il lavoro svolto nel gruppo di maggioranza, nella giunta e nei vari gruppi di lavoro, ha potuto dare l’avvio a una vera democrazia partecipata, a un momento di confronto serio e costruttivo, a una nuova stagione di attenzione ai cassanesi. Il nostro gruppo amministrativo non ha mai indossato le cuffie e alzato il volume della musica per dimenticare o non ascoltare i problemi degli altri, prendendosi spesso responsabilità personali anche pesanti pur di riuscire a risolvere i problemi.

Per questo vuoi ricominciare?

Sono pronta a ripartire più agguerrita di prima perché penso che l’impegno politico è un atto d’amore verso tutta la comunità e con l’impegno voglio incentivare insieme alla mia squadra, le iniziative di crescita, favorire le collaborazioni creative, valorizzare i segnali di vivacità dei giovani professionisti, incentivare il decoro urbano e creare nuova occupazione.

Come lo vedi il futuro di Cassano?

Come dice Monsignor Savino, Cassano deve prendere il largo. Voglio per questo paese un futuro migliore e voglio che sia la mia colazione a darglielo. Un futuro con la “F” maiuscola per questa terra a lungo depredata perché ricca di tutto: storia, bellezze naturali, gente sana e generosa.

Perché un elettore deve votare Carmen Gaudiano?

Perché un voto dato a me e, quindi, alla mia coalizione, non è un voto perso. Perché la mia promessa è che il nostro impegno non termina con il voto 5 giugno. Perché il nostro programma, il nostro progetto civico non si esauriscono con la campagna elettorale ma continueranno per i prossimi cinque anni. Perché io mi fido dei cittadini di Cassano e conto sul fatto che anche loro si fidino di me.

 

Ecco questa è Carmen Gaudiano. Una donna la cui generosità e professionalità travalica i confini del territorio cassanese. Non a caso Franco Corbelli, il giornalista italiano fondatore e leader del Movimento Diritti Civili intervenuto l’altra sera al Comizio dell’Alleanza Civica Democratica Riformista, nel ribadire la stima per il candidato sindaco Gianni Papasso e la sua coalizione, ci ha tenuto a sottolineare che non poteva non essere presente ieri sera, nonostante i suoi impegni. “Venire a sostenere Gianni Papasso, che conosco e stimo, e la sua squadra l’ho sentito quasi come dovere morale. Il mio legame con Cassano, tra l’altro ha origini lontane. Questo è un territorio straordinario, fatto di persone straordinarie come la dottoressa Carmen Gaudiano della quale ho avuto modo di apprezzare umanità e professionalità perché a lei ho affidato le cure di mio padre”.

 

Umanità e professionalità che apprezziamo anche noi. Ciao Carmen, saluto e un abbraccio. Questa volta abbiamo davvero finito. In bocca al lupo.

 

Leggi anche: Carmen Gaudiano, il diritto alla buona amministrazione

 

Eleonora Gitto

Comitato Elettorale Papasso

Scrivi commento

Commenti: 0