Papasso al Prefetto Postiglione: ecco perché è inopportuno destinare l'Hotel Sybaris a "Centro di Accoglienza per Immigrati"

 

 L’Hotel Sybaris è ubicato in un'area ad alta vocazione turistica del comune jonico, ricca di eccellenti strutture recettive. Il Sindaco Gianni Papasso scrive al Prefetto Postiglione e spiega perché è inopportuno destinare la struttura a  "Centro di Accoglienza per Immigrati".

 

Appresa la notizia che l’Agenzia nazionale per i Beni confiscati in Calabria alla criminalità organizzata intende destinare l’Hotel Sybaris a "Centro di Accoglienza per Immigrati",  il sindaco Gianni Papasso, ha trasmesso una missiva al Prefetto Umberto Postiglione, quale referente della stessa,  invitandolo a una riflessione sull'opportunità di portare avanti l’iniziativa e chiedendo, allo stesso tempo, un incontro urgente per  esplicitare i motivi  delle perplessità e preoccupazioni espresse.

 

Nello scritto, Gianni Papasso ha, innanzitutto lamentato il fatto che il Sindaco di Cassano, democraticamente eletto, non sia stato informato e coinvolto, facendo venir meno il ruolo che ogni Primo Cittadino riveste e che ha il diritto/dovere di esercitare quando si assumono decisioni che vanno ad incidere sulla vita della comunità e, paradossalmente, vanificando il senso stesso delle consultazioni elettorali.

 

Inoltre, il Sindaco ha stigmatizzato di avere appreso che, a seguito della riunione tenutasi a Reggio Calabria, il Prefetto di Cosenza, Gianfranco Tomao, ha avanzato una manifestazione di interesse  per la definitiva destinazione  del bene in questione, a Centro di Accoglienza per Immigrati cosa che, ha sottolineato il Primo Cittadino, gli ha suscitato grandi perplessità e preoccupazioni.

 

Sull’Hotel Sybaris, ha riferito Papasso, il comune di Cassano All’Ionio aveva già manifestato interesse e che già era in corso una trattativa, con il coinvolgimento della Diocesi di Cassano, con i Vescovi Galantino prima e Savino poi, l’Unical, con il Rettore Prof. Crisci, l’Associazione Libera e addirittura il Ministero dell’Istruzione.

 

Detto ciò, il Sindaco ha sottolineato a chiare note che Cassano All’Ionio si è qualificata quale “Città dell’Accoglienza”, per l’innato senso di ospitalità dei cittadini, che ha consentito la perfetta integrazione nel tessuto sociale di un grande numero di cittadini stranieri, comunitari ed extracomunitari. Infatti, ha argomentato, nel comune sibarita, con una popolazione di circa 18.000 abitanti, alla data del 17 giugno scorso, risultano residenti ben 1.463 cittadini stranieri. A questi, vanno, inoltre, aggiunte oltre 500 persone comunitarie ed extracomunitarie identificate, che vi si stabiliscono  per periodi brevi e per motivi di lavoro.

 

Nella missiva destinata al prefetto Postiglione,  il primo cittadino, ha aggiunto che sul territorio cassanese non c’è presenza di accampamenti di fortuna e che tutti gli stranieri  vivono in abitazioni dignitose. Cassano, ha aggiunto, è la città ove si porta avanti con successo il progetto territoriale dei servizi di accoglienza integrata SPRAR per i cittadini di Paesi Terzi, richiedenti asilo.

 

“Io stesso, ha scritto, per forma mentis e per il mio percorso di vita politica, ritengo giusto e sacrosanto tendere la mano a questa umanità che fugge da guerre e miseria”.

 

Ciononostante, in merito, il sindaco  Papasso ritiene che ogni soluzione, che la società ha l’obbligo di ricercare, non debba andare a pregiudicare  la realtà economica e sociale dei territori individuati per l’istituzione di centri di accoglienza. Questo, ha precisato, potrebbe accadere se l’iniziativa decisa nella recente riunione tenutasi presso l’Agenzia Nazionale per i Beni Confiscati di Reggio Calabria, avesse un seguito poiché il turismo a Cassano All’Ionio è la principale  valvola di sfogo per un’economia  già di per sé dissestata a causa dei ritardi accumulati in  anni di  inadempienze e di mancate risposte, da parte delle istituzioni sovra comunali e per il bisogno di sviluppo e di crescita delle popolazioni residenti nella Piana più vasta e fertile della Calabria.

 

La lettera del sindaco Papasso al Prefetto Postiglione, si conclude con l’invito al destinatario a ponderare bene la decisione finale relativamente all'utilizzo dell’Hotel Sybaris e la richiesta di un incontro urgente  che possa servire ad esplicitare i motivi  delle perplessità e preoccupazioni esternate.

 

Il Capo Ufficio Stampa Comune di Cassano - Mimmo Petroni

Scrivi commento

Commenti: 0