· 

PER IL CANDIDATO SINDACO GIANNI PAPASSO L’ABBRACCIO E IL SOSTEGNO DI SIBARI

Nel titolo avremmo potuto scrivere tranquillamente “Sibari abbraccia il 'suo' candidato Sindaco”, perché è stato questo ciò che si percepiva guardando la gente stringersi intorno a Gianni Papasso. In quell'abbraccio c'erano affetto, stima, solidarietà e, soprattutto, sostegno

 

A Sibari, la sera del 1° novembre, hanno tenuto banco proprio il candidato Sindaco Gianni Papasso e l’amore della gente di questa località, e non solo. Al comizio che si è tenuto in Via Taranto, infatti, si sono dati appuntamento cittadini di tutte le frazioni e del Centro di Cassano. Chi prevedeva, o si augurava, un crollo dei consensi, deve per forza ricredersi davanti a tanta evidenza: a Sibari Gianni Papasso, insieme con i candidati alla carica di consigliere della lista "La Mongolfiera", una delle tre che appoggiano sua candidatura, sale sul palco acclamato dalla sua gente, pronta a sostenerlo ancora una volta. 

 

Nel suo intervento, il candidato ha ribadito che al centro programma elettorale della sua coalizione c’è l’uomo, ci sono i cittadini, le relazioni e, di conseguenza, tutte le comunità del territorio di Cassano. Le persone per Papasso devono essere al centro di politiche trasformative: non più oggetti al servizio dell’economia, ma soggetti attivi di un’economia che sia loro reale espressione e che risponda a loro bisogni.

 

Ma per “soddisfare i bisogni principali dell’uomo”, bisogna partire dai “servizi primari e fondamentali”: “a Sibari bisogna cominciare dalle reti fognanti nelle zone in cui ancora mancano”.  Attingendo anche ai fondi europei, Papasso ha ribadito che si darà priorità agli interventi di riqualificazione degli spazi e alla predisposizione di zone destinate ai bambini: si realizzerà per loro anche una palestra. Si potenzierà inoltre il servizio di raccolta differenziata e si troverà il modo di risolvere il problema dei sottopassi. Insomma, dal decoro delle  strade e del litorale, abbandonati all'incuria e all'assenza di programmazione, al rilancio dei Laghi di Sibari e di Marina di Sibari, per arrivare al Distretto Nautico della Magna Grecia, i progetti per Sibari sono davvero tanti. 

 

Si comincia da questi interventi indispensabili per gettare le basi di un futuro processo produttivo della nostra realtà economica e occupazionale, perché – spiega ancora il candidato sindaco – turismo e agricoltura devono per forza di cose attecchire in una realtà straordinaria come la Sibaritide . E non si può parlare di turismo, se non ci sono reti idriche e fognanti, atte a soddisfare il fabbisogno della comunità locale e non. Non c’è turismo se non c’è decoro urbano,  pubblica illuminazione efficiente, differenziata funzionante e reti Wi-Fi in grado di connetterci con il resto del mondo.

 

Accorati anche gli interventi dei candidati consiglieri, che hanno spiegato le ragioni della loro scelta di partecipare a questa tornata elettorale. “Siamo qui perché crediamo nel progetto Papasso, perché vogliamo impegnarci per costruire un futuro migliore per il nostro territorio” - hanno ribadito pressoché all'unisono, seppur con differenti sfumature - . Antonio Strigaro, candidato per Papasso Sindaco nella lista “La Mongolfiera”, con molta emozione ha ricordato a tutti che “la politica non si fa per sete di potere ma per servire il popolo”.

 

Poi il vero e proprio bagno di folla: Papasso riceve gli abbracci della “sua” gente. Non ci sono dubbi: per i suoi sostenitori resta l’unico in grado di governare questo straordinario territorio, per un motivo molto semplice: Gianni Papasso ama davvero la sua Cassano. 

 

Comitato Gianni Papasso Sindaco

Ufficio Stampa

Eleonora Gitto

Giornalista - Webmaster

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    sandro (sabato, 02 novembre 2019 22:09)

    il divario politico tra Gianni è gli altri, deteriminato anche dalla sua lontana militanza politica, è evidente. la padronanza delle problematiche del territorio, unitamente alla conoscenza dello stesso, ci fanno ben sperare in un risultato positivo.